Il mare di John Banville

Copertina di Il mare

Mai copertina fu così evocativa. (4,7 stelle) 

Nell’illustrazione di Giovanni Mulazzani ( edizione Guanda 2006) si percepisce al primo sguardo che il libro sarà molto peggio che malinconico, sarà dolente, ma bello.
L’aggettivo giusto è proprio DOLENTE perché in questo romanzo si affronta la sofferenza ma non in modo vorticoso, esagitato, attanagliante e viscerale, apparentemente con distacco, con una certa dolcezza triste che ci culla tra una pagina e l’altra.
Bisogna prendersi tempo e concentrazione perché non si tratta di un libro leggero, non accetta distrazioni o salti di righe.
Questo romanzo non è come quei maschi da copertina dai tratti perfetti e ben vestiti definiti universalmente sex symbol. Assomiglia di più a quegli uomini che si presentano con un maglioncino insignificante, dai lineamenti non perfetti ma che acquistano bellezza nel particolare, che hanno belle mani, un bel sorriso e lo sguardo vivo, uomini da scoprire poco a poco.
Ecco, il romanzo di Banville non appare eclatante di primo acchito, ma mentre sei lì che lo leggi ti accorgi che è estremamente raffinato, di una ricchezza non ostentata, ci offre capacità analitica ed espressiva notevoli.
Ogni volta che mi trovo davanti a scrittori simili mi stupisco della loro attitudine a focalizzare sentimenti e pensieri con lucidità e di restituirceli in una forma scritta così bella, mi sorprendo della descrizione di dettagli che le persone “normali” non notano, in questo caso anche di una particolare attenzione agli odori.
Le frasi da citare sarebbero moltissime, ho evidenziato molti passaggi (anche lunghi) in questo libro, il consiglio che mi sento di dare è di leggerlo se amate la scrittura di qualità e se siete disposti a sopportare un po’ di tristezza.
Una menzione positiva per la traduttrice Eva Kampmann che credo abbia fatto un ottimo lavoro.
Citazioni:
“ La contemplai senza poter fare nulla. Per un attimo di stordimento fui colto dal pensiero che non sarei più riuscito a farmi venire in mente una sola parola da dirle, che saremmo andati avanti così, in un angosciata incapacità di esprimerci, sino alla fine”
“Eppure, quale forma di esistenza possiede in realtà il passato? In fondo, è solo quello che era il presente, una volta, quel presente che non c’è più, tutto qui.”
“ Forse tutta la vita non è altro che una lunga preparazione a lasciarla.”
“ Sono stato sempre un emerito nulla, il cui desiderio più forte era di essere un emerito qualcuno. So quello che voglio dire.”

“ Ci siamo perdonati a vicenda per tutto quello che non eravamo.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...